foto_relax_neonato

Relax per neonati: l’aiuto della musica

Sviluppa le capacità di comunicazione e apprendimento, concilia il sonno e stimola l’affettività: non è il frutto di una pozione magica ma il naturale effetto che la musica può avere sui neonati. L’interazione tra note e melodia è stata studiata a lungo da parte della comunità degli scienziati e se già sapevamo che lo studio della musica rende i nostri figli più intelligenti, di recente, ci si è spinti ad indagare persino gli effetti delle melodie prima della nascita diffondendo le note attraverso le pance delle gestanti.

E se su questo ultimo aspetto i pareri sono ancora molto controversi (secondo alcune ricerche infatti il feto si trova in una sorta di isolamento acustico), sul fatto che ascoltare la musica sin dai primi mesi faccia bene la comunità degli scienziati sembra essere perfettamente d’accordo. I benefici, come del resto dimostra l’antica tradizione delle ninne nanne, sono innumerevoli ma bisogna comunque avere alcune accortezze.

Innanzitutto la musica deve essere mantenuta ad un volume moderato, non superiore ai 40-45 decibel, inoltre anche il tipo di melodia deve essere appropriato. “L’apparato uditivo dei neonati è estremamente delicato. – spiega al proposito Leonardo Trevisan, docente e musicologo veneziano della “Fondazione Premio Altino”L’intensità sonora eccessiva può far riportare delle conseguenze serie all’udito dei neonati, in certi casi anche traumatiche. Inoltre – aggiunge lo stesso – ritmi troppo concitati possono causare un effetto opposto a quello desiderato come agitazione, inquietudine e, addirittura, insonnia”.

Oltre ai brani appositamente composti per neonati dunque, il genere più adatto sarebbe la cosiddetta “musica tonale non drammatica” ma anche una qualsiasi ninna nanna se cantata con dolcezza e a voce moderata farà sicuramente addormentare anche il più irrequieto dei bebè.

Se cantare non è il vostro forte, niente paura perché sul web o nei negozi dedicati sono disponibili vere e proprie compilation con alcuni dei più noti pezzi di musica classica o addirittura scritti ad hoc da autori e compositori. E se al suono si vuole accompagnare anche qualche immagine, altrettanto educativa o rilassante, su Youtube è disponibile un ampio repertorio di video musicali con tanto di commenti e recensioni da parte di genitori che ne hanno tratto innumerevoli vantaggi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>