mamma-bimbo

Quando nasce una mamma?

Quando si diventa effettivamente madri? Quando si fa il famoso test e si leggono le due strisce, al momento della nascita del bambino oppure dopo le prime settimane di vita, quando ci si conosce un po’ di più? Personalmente posso affermare di essere nata come mamma nell’esatto istante in cui mio figlio è venuto al mondo. Non prima, non dopo. Ma credo che ogni donna abbia un momento preciso nel quale comprende che in lei si sta compiendo, come a me piace definirlo, il miracolo della vita, e che quindi sta nascendo come mamma. Quando ho scoperto di essere incinta avevo 22 anni; mio figlio è nato quando ne avevo compiuto 23.

Anche se ero spaventata, non ho mai visto come una cosa negativa il fatto di essere rimasta incinta in giovane età. Ho sempre pensato che un figlio fosse in ogni caso un dono prezioso e che io, nonostante le mie comprensibili paure, ce l’avrei fatta. La cosa che più mi ha sorpresa è stata la reazione degli altri, delle persone che conoscevo e degli amici. Erano sconvolti! E’ vero, ero ancora una ragazza e non avevo terminato i miei studi universitari, ma vi assicuro che il tono con il quale commentavano la notizia era davvero catastrofico! Questa reazione m’infastidì parecchio e aumentò in me le ansie e le paure per il mio futuro di mamma.

Una delle esperienze più belle che feci durante la gravidanza fu quella di partecipare al corso pre parto. Finalmente non mi sentivo più l’unica donna incinta anzi, ero circondata da future mamme come me. E non ero nemmeno la più giovane! Quelle lezioni mi diedero modo, soprattutto, di confrontarmi con le altre donne e questo per me fu molto importante! Ascoltando le loro storie, così diverse dalla mia, riuscii a trovare un’energia del tutto nuova da utilizzare nel periodo della gravidanza.

Ho vissuto la mia prima gravidanza in modo sereno, tuttavia non riuscivo proprio ad immaginarmi mamma di un bambino. A poco a poco che la mia pancia cresceva provavo un misto di emozioni, gioia ed insicurezza e anche quando mancavano poche ore al momento della nascita non avevo ancora programmato la mia vita da mamma. È stato durante il parto che ho capito davvero fino in fondo che il mio bambino aveva totalmente bisogno di me, in quel momento per venire alla luce e poi per crescere in questo mondo, ed io non potevo permettermi di farmi prendere da paure e timori…ero una mamma e finalmente lo stavo capendo!

Mi sentivo morire, talmente forte era il dolore che provavo ma, nello stesso tempo, sapevo che per il mio bambino avrei dovuto essere forte e trovare quel coraggio che durante quei 9 mesi avevo faticato a trovare. Quando il mio bimbo è nato il mio cuore è scoppiato di una gioia mai provata e in quel preciso istante ho capito che io, con il mio corpo, la mia forza ed il mio amore, avevo fatto nascere una nuova e meravigliosa creatura. Era venuto al mondo Alessandro, mentre io ero nata come mamma!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>