foto_caro_libri

Problema caro libri: come evitarlo

Settembre è arrivato e per tante famiglie questo mese significa ritorno a scuola. Le vacanze sono terminate e si riprende con le varie lezioni e compiti. Ma il ritorno a scuola, soprattutto a inizio anno scolastico, significa anche aprire il portafogli. Puntale come ogni anno si ripresenta, infatti, il problema del caro libri.

Secondo le statistiche tra libri e accessori ogni famiglia spende circa un migliaio di euro, una spesa che grava sul bilancio famigliare, troppo spesso, negli ultimi tempi, in rosso. La principale causa, come sempre, è l’aumento dei costi: sul corredo scolastico c’è stato un aumento dell’1.4%, mentre sono aumentati dell’1.6% i prezzi di libri e dizionari.

Il problema del caro libri è sempre più radicato nella nostra società: le stime parlano di una spesa di circa mille euro a studente, che sono decisamente troppi se sommiamo che in media ogni famiglia ha due figli. L’articolo che ha subìto il maggior aumento in questo periodo, secondo quanto riportano i dati registrati dal Codacons, è l’astuccio pieno, ovvero quello provvisto di ogni cosa, dal temperino alle penne fino ai colori: l’indispensabile accessorio può arrivare a costare fino a 31 euro.

Ma come si può evitare il problema del caro libri? Le associazioni dei consumatori consigliano innanzitutto di non seguire mode e pubblicità: un diario non di marca può costare all’incirca 6 euro, a differenza dei 15 euro richiesti per quelli “firmati”. Secondo, importante, consiglio è quello di comprare con intelligenza: non è necessario acquistare subito, fin da settembre, scorte di quaderni, matite e penne. Basta acquistare il minimo indispensabile per i primi giorni di scuola e poi acquistare il resto durante il corso dell’anno quando, complice le varie offerte, i prezzi scenderanno.

Per quanto riguarda i testi scolastici, il caro libri può essere evitato cercando quelli usati nei vari mercatini. Ma è consigliato anche aspettare la lista definitiva di tutti i libri, che molto spesso viene cambiata. E’ bene poi distinguere tra testi consigliati e quelli obbligatori, molto spesso si comprano libri che non verranno mai usati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>