foto_ciao_figlia

Padri assenti: in libreria “Ciao, sono tua figlia” di Vania Colasanti

Ciao, sono tua figlia-storia di un padre ritrovato è il titolo di un libro autobiografico scritto dalla brava giornalista Vania Colasanti. In questo romanzo la scrittrice racconta il rapporto con il proprio padre, nato quando lei era già adulta avendo vissuto perciò la sua infanzia e adolescenza con l‘assenza della figura paterna. E’ un libro che ha avuto molto successo perchè parla della paternità e del modo con il quale i figli si relazionano con il proprio padre.

Nel libro “Ciao, sono tua figlia” viene raccontata la vita della scrittrice Vania Colasanti in relazione alla sua figura paterna. La protagonista ha avuto un ‘infanzia serena accanto alla madre, dalla quale ha preso il cognome in quanto il padre non ha mai riconosciuto la figlia. La vita della protagonista scorreva felice grazie alla madre ma tuttavia in lei cresceva il desiderio di conoscere quello che era il suo vero padre.

Ed ecco che avvenne il loro primo incontro, a 16 anni. E fu molto deludente. Davanti a lei era come se ci fosse uno sconosciuto e non riuscirono a trovare un modo per conoscersi. Ma la protagonista non si arrese. Il suo desiderio di sapere chi fosse veramente suo padre fu più forte di tutto.
Qualche anno dopo riuscirono così a rivedersi e a conoscersi sempre meglio, fino a scoprire che avevano anche tante cose in comune! Il loro riavvicinamento fu anche fonte di critiche da parte di amici e conoscenti, ma questo alla protagonista non importava.

Suo padre non c’era mai stato, sia dal punto di vista affettivo che economico, e non si era mai interessato a lei. Ma ora Vania lo stava ritrovando e il vuoto che l’assenza di questo padre le aveva creato si stava riempiendoVania aveva trovato un padre che andava a riempire, dopo tanto e troppo tempo, un sentimento vuoto. Un incontro che le ha permesso di ritrovare anche i suoi fratelli. Quattro figli con madri diverse e un unico padre, quattro modi di rapportarsi con lui.

Quello dei padri assenti è un problema molto diffuso nella nostra società, tanto quanto le tristi vicende dei bambini contesi, raccontato in un altro libro, quello di Sara Rattaro dal titolo “Niente è come te”.

Nel romanzo autobiografico “Ciao, sono tua figlia” Vania racconta quanto sia importante conoscere anche il genitore che ha abbandonato un figlio, superando i rancori e accettandolo per quello che è.
Le storie di padri assenti sentimentalmente ed economicamente sono numerose, ma Vania con il suo libro “Ciao, sono tua figlia” trasmette un messaggio di speranza e fiducia per tutti i figli e i padri coinvolti in simili situazioni!

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>