foto_kasia_smutniak_compagno

Nomi bimbi: tradizione o innovazione?

L’ultimo in ordine di tempo di nome strano tra i vips nostrani è Kasia Smutniak che ho scoperto pochi giorni fa ha partorito discretamente, come è caratteristica di questa bellissima attrice; a fine agosto, il primo figlio suo e del compagno, il produttore Domenico Procacci e l’ha chiamato Leone.

A me sembra un tantino un nome strano, antico, fuori moda, poco adatto a una bambino del 2014, o no? Si chiama così anche uno dei figli di Lavinia Borromeo e John Elkann: gli altri si chiamano Oceano e Vita, la bimba ultima nata. Direi uno più ambizioso dell’altro come nomi, o no? E vero che i gusti sono gusti e quello che piace a noi non può piacere a tutti, ma certo un nome di tanti papa del passato, imperatori, come Leone, per un bambino contemporaneo, sembra un po’pretenzioso e fuori tempo.

Nomi troppo antichi, troppo originali, troppo strani, quali scegliere e quali eliminare come categorie? Chanel come un marchio di vestiti e la bimba di Ilary Blasi e Francesco Totti o Gaia come la terra, che sembra un nome di gran moda in questo periodo? O Friday (dal giorno di nascita, quanta originalità!) come la bimba appena nata di Eva Mendes?

Le cose cambiano, mentre prima era il Sud che manteneva i nomi classici, dei santi, dei nonni, degli avi, per promulgare i nomi e i cognomi familiari, adesso al Nord si torna ai nomi classici e al Sud si spazzia con la fantasia. Al Sud siamo pieni di Martina, Sofia, Gaia appunto, e invece al Nord io mi ritrovo con amiche coetanee che chiamano i figli Giulio, Agata, Matilde.

Insomma ci sono le mode anche per i nomi, oggi più di ieri o è sempre stato così? E’ degli anni ’80 la diffusione di nomi come Sue Ellen durante il successo del serial Dallas di cui era protagonista un personaggio sfortunato con questo nome. E quanti Kevin nati negli anni ’90 col successo del Costner? E ci saranno sicuramente in giro per l’Italia dei Brooke e Ridge che chissà quanto stanno maledicendo l’originalità dei genitori. Oppure al contrario sono contenti e non se ne fregano dell’opinione della gente, come anche è giusto che sia così in fondo, l’importante alla fine sono altre cose oltre al nome: la felicità dei nostri figli, la tranquillità familiare e tante cose come queste. Ben più solide di un nome di moda.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>