foto_famiglia_mare

In vacanza con i più piccoli: i consigli di Passione Mamma

Partire in vacanza con dei bambini, soprattutto se piccoli, può divenire estremamente complicato. Per cercare di ridurre al minimo la fonte di tanto stress è necessario evitare di stravolgere i ritmi e le routine dei più piccoli rispettando i loro orari e le loro abitudini. L’ora della pappa, del bagnetto e della nanna devono preferibilmente restare inalterate.

Il primo fattore da considerare per le vacanze con i più piccoli riguarda la scelta del posto da raggiungere. Andrebbero evitate, per quanto possibile, mete troppo lontane in quanto già il viaggio se lungo ed estenuante potrebbe mettere a rischio quella armonia familiare tanto sospirata durante le vacanze. Ci sono tantissime testimonianze positive di viaggi con neonati oltreoceano, ma ovviamente tutto diventa più complesso e necessita di uno spirito di adattamento familiare elevato.

Un altro aspetto da considerare quando si viaggia con i bambini riguarda le valigie nelle quali non devono assolutamente mancare:

  • – una cassetta con tutti i medicinali che potrebbero servire durante la permanenza vacanziera (suppostine per la febbre e fermenti lattici) ma anche termometro, collirio, soluzione fisiologica;
  • – tutto l’occorrente per l’igiene anche “on the road” salviettine, pannolini, copri water, disinfettanti;
  • – oggetti familiari e giochi con i quali intrattenere i piccoli nei momenti più noiosi e di attesa che potrebbero mettere a rischio la loro pazienza e di conseguenza anche quella degli adulti
  • – acqua e piccoli spuntini a sufficienza per improvvisi attacchi di sete o fame;

    Andrebbe stilato un completo programma di viaggio con tutti i posti che si intendono visitare, quel che si vuole mangiare, quel che si vuol fare durante il soggiorno; è necessario essere flessibili e rispettare le scelte dei piccoli viaggiatori, i quali potrebbero annoiarsi a girare mostre e musei e potrebbero preferire una bella passeggiata in un parco con le giostrine o un tuffo un piscina.

    Ricordate di comprare qualche souvenir che rispecchi l’età del bambino: è tenerissimo conservare la maglietta, il cappellino con il nome della città visitata e ritrovarli dopo anni in un cassetto risalendo all’età del piccolo durante quel viaggio. Concedetevi tempi e pause di tranquillità per ristorarvi e rilassarvi e non programmate troppi appuntamenti durante una giornata.

    Per una vacanza più tranquilla sono consigliati villaggi o residence che coinvolgano i bambini in attività e giochi e possano allietare la loro permanenza in struttura favorendo il relax anche dei genitori.
    Viaggiare è importante, prezioso ed estremamente arricchente per i piccoli quanto per i grandi pertanto con i giusti accorgimenti è consigliatissimo per famiglie con bimbi e ragazzi di ogni età!

    <
    >

    L’autore: Graziana Odorino

    Da una quindicina d’anni animatrice, da una decina scarsa psicologa, da cinque educatrice in un nido, da un paio anche psicoterapeuta…ma soprattutto da qualche mese mamma!
    Non vi é occupazione più full time ed impegnativa di quest’ultima. un dono immenso, un amore senza limiti ma anche un ruolo pieno di responsabilità da svolgere con dedizione e pazienza infinita.
    Email: g.odorino@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *