foto_gravidanza

I cambiamenti della gravidanza: cosa aspettarsi quando si aspetta

La gravidanza è il preludio di un grande cambiamento nella vita di una donna. Ma esattamente, cosa ci si deve aspettare durante i famosi nove mesi?

Inevitabile sarà, durante la gravidanza, l’aumento di volume e la comparsa del cosiddetto pancione. Ciò non deve destare preoccupazione, poiché tutto tornerà alla normalità appena partorito. Anche se a volte vi sembrerà di stare sul punto di scoppiare da un momento all’altro, tranquillizzatevi, è e resterà solo una sensazione. Il pancione crescerà lentamente, e col passare dei giorni ogni donna imparerà a gestirlo e conviverci al meglio.

Fisicamente, durante i famosi nove mesi, possono insorgere alcuni fastidi di varia natura, come nausee, capogiri, fragilità capillare, piedi gonfi, emorroidi. La percezione degli odori poi, cambierà notevolmente! Ma a tutto c’è rimedio, non c’è nulla che non si possa curare o alleviare con integratori o farmaci, magari consigliati dal ginecologo. C’è inoltre la possibilità di soffrire d’insonnia, imputabile semplicemente al non riuscire a trovare la posizione giusta (complice il cambiamento di “forma”) o alla continua e incontrollabile necessità di dover alzarsi per andare in bagno (colpa del peso dell’utero che preme sulla vescica).

Dal punto di vista psicologico, in gravidanza si è emotivamente più instabili e i cambiamenti d’umore sono davvero repentini, come sta accadendo alla giovane attrice dei Cesaroni Micol Oliveri. Ad aumentare sarà anche, complici gli ormoni, il desiderio sessuale (per la gioia della coppia!). E dell’aumento del seno, ne vogliamo parlare? Nessun chirurgo riuscirebbe a fare meno e, per di più, a costo zero!

Ma i cambiamenti della gravidanza non riguardano solo problemi, dolori e fastidi, anzi, è molto, molto di più. La pelle e i capelli migliorano notevolmente, anche l’armonia dei tratti del viso diventa sublime. Gli occhi splendono, colmi di una nuova luce. Siamo privilegiate, noi donne, a poter provare la sensazione di custodire e proteggere dentro di noi una vita. I movimenti del bambino, i cosiddetti calcetti, i primi tempi saranno percepiti come un battito d’ali di una farfalla, o il guizzo della coda di un pesciolino, fino a diventare colpetti più forti, vere e proprie capriole all’interno del ventre materno, che alla mamma daranno la sicurezza quotidiana che è lì e che sta bene.

Il feto, nel suo ambiente protetto impara a distinguere la voce della madre e si addormenta col suono del battito del suo cuore, rassicurato. E’ un legame assoluto, quello tra mamma e bambino. Che nessuno può mai comprendere. Certo si può spiegare, ma la migliore delle spiegazioni non renderebbe giustizia nemmeno alla centesima parte di quanto sia meraviglioso viverlo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>