foto_problemi_gravidanza

Disturbi in gravidanza: cistiti, vaginiti e candida

Tra i vari problemi che possono insorgere in gravidanza, troviamo la mitica triade: cistite, vaginite, candida. Questi tre disturbi possono interessare la donna in attesa sia singolarmente che correlati tra loro. Ma vediamo nello specifico cosa sono, come si presentano, perché colpiscono e come evitarli e curarli. La cistite nello specifico, è un’infezione delle vie urinarie basse, interessa perciò vescica e uretra. Se non trattata nel modo appropriato questa infezione può risalire fino al rene, dando anche seri problemi.

I sintomi della cistite sono un bruciore intenso all’atto di urinare e la sensazione di non essere riuscite a svuotare la vescica completamente. Perciò lo stimolo di fare la pipì sembra essere continuo e implacabile. In gravidanza, la cistite insorge perché il feto, man mano che aumenta di peso preme sull’apparato urinario, favorendo il ristagno di urina, il quale è causa di infezioni. Lo stesso accade se, in caso di minzione frequente, si cerca di trattenersi dall’andare in bagno.

Questo disturbo viene spesso associato a parto prematuro e rottura della membrana amniotica. Se si sospetta di soffrire di cistite il primo passo da fare è quello di rivolgersi assolutamente al proprio medico che disporrà un esame delle urine e potrà dare una cura appropriata e risolutiva.

In caso di cistite è importante consumare molta frutta e verdura, yogurt, carni bianche e riso. Bisogna invece evitare bevande come il caffè e il latte vaccino. E’ importante non confondere il bruciore della cistite con il prurito portato dalla candida. La candidosi è un infezione dovuta da un fungo che può essere presente in vagina innocuo, ma che a condizioni favorevoli, può dare fastidi.

La candida provoca bruciori, perdite, irritazioni e prurito. Per riconoscere le perdite dovute a candida basta osservare le secrezioni che hanno un colore biancastro, una consistenza simile al latte cagliato e odore di lievito. La candida viene curata con l’ausilio di creme e ovuli, ma soprattutto controllando l’alimentazione. Essendo un fungo, evitare di assumere molti zuccheri, che altrimenti lo farebbero proliferare velocemente.

Inoltre è opportuno evitare di mangiare cibi contenenti lievito per lo stesso motivo, dunque niente pane, niente alcool e niente formaggi stagionati. Per ultima ma non meno…scocciante, abbiamo la vaginite, la quale altro non è che un’alterazione dell’acidità della vagina, con la conseguenza di una maggiore esposizione alle infezioni.

I sintomi della vaginite sono: prurito intimo e secrezioni, a volte anche piccole perdite ematiche e bruciore durante la minzione e rapporti sessuali. Le donne in gravidanza possono contrarla nella forma batterica e favorire il parto prematuro o sottopeso del neonato. Se si ha il sospetto di vaginosi, è bene rivolgersi subito al ginecologo che effettuerà alcuni esami e darà la cura appropriata.

Bisogna dire che è importante sottoporsi soprattutto ai controlli di routine, perché spesso questo disturbo è asintomatico e può degenerare e diventare pericoloso. Infatti l’infezione può arrivare molto in profondità diventando una malattia infiammatoria pelvica e può interessare addirittura l’utero e le tube di Falloppio.

L’autore: Francesca Mattera

Sono una giovane mamma di 30 anni. Il mio passatempo preferito è cercare di sopravvivere alle mie tre piccole pesti! No, scherzo, non voglio spaventare nessuno, è bello e appagante (anche se a volte faticoso) il mestiere di mamma! I miei interessi sono molteplici, mi piace leggere, scrivere, ascoltare, informarmi e, perché no, informare! La mia frase preferita? Nihil difficile volenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *