foto_danza_ventre

Danza del ventre in gravidanza: tutti i benefici

Fare sport in gravidanza è altamente consigliato, sia alla futura mamma che al bebé. Ma se destreggiarvi tra pesi e tapis roulant non vi garba, potete provare una disciplina davvero affascinante: la danza del ventre! Molti accostano questo tipo di danza a qualcosa di sensuale ed enigmatico che c’entra ben poco con una pancia che lievita giorno per giorno, ma la realtà è ben diversa. I benefici della danza del ventre in gravidanza sono molteplici, tanto che in Italia comincia a diffondersi sempre più questa pratica, da affiancare ai famosi corsi pre parto.

Sono molteplici i benefici che le donne gravide possono ricevere dalla pratica della danza del ventre: basti pensare che già in Mesopotamia, più di duemila anni fa, questi movimenti venivano utilizzati per la preparazione al parto. Con la danza del ventre, i muscoli addominali si tonificano e i colpi d’anca insegnano alle donne come muovere il bacino. I movimenti fluidi e circolari fortificano i muscoli e i tendini della zona pelvica, attenuando i dolori pre-parto e quelli della colonna vertebrale e aiutano ad ottenere una buona postura.

Gli altri benefici della danza del ventre in gravidanza sono:

  • previene disturbi scheletro-muscolari
  • aumenta il tono muscolare
  • migliora la cicolazione sanguigna e la capacità respiratoria
  • facilita il rilassamento
  • aiuta a controllare la sensazione di dolore durante il travaglio
  • facilita le posizioni da adottare durante il parto

La danza del ventre in gravidanza, oltre al benessere fisico, agisce anche sulla salute psichica: complice la musica e i movimenti rilassanti si hanno sensazioni positive e gioiose. Senza contare che di solito la danza del ventre si pratica in gruppo e questo regala un aiuto maggiore alle donne in stato interessante.

La danza del ventre, con i suoi numerosi benefici, può essere utile anche per ritornare in forma dopo il parto. Infatti, i suoi movimenti potenziano e rassodano la muscolatura dei piedi, dei polpacci e delle cosce, evitando i disturbi della circolazione. Rinforzano i muscoli dell’addome, dei fianchi e dei glutei e rinvigoriscono i muscoli dorsali. Importante anche l’utilizzo del velo che scioglie gli arti superiori, irrobustendo braccia, spalle e petto, mentre il portamento eretto contribuisce a tonificare i muscoli pettorali e quindi a sostenere il seno.

L’autore: Antonella Latilla

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all’età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell’impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *