foto_bambino_alla_batteria

Come stimolare il cervello dei bambini? Studiando musica!

Molto spesso le mamme si domandano come si possano sviluppare le capacità mentali dei propri bambini: un esercizio che sembra complicato, ma che in realtà è meno difficile di quanto sembra. E, per fortuna, arrivano in aiuto le varie ricerche scientifiche. L’ultima di questa, realizzata negli Stati Uniti, suggerisce di studiare musica per stimolare il cervello dei più piccoli.

Secondo uno studio nato dalla collaborazione della prestigiosa università di Harvard e l’ospedale pediatrico di Boston, i bambini che suonano regolarmente uno strumento musicale hanno maggiori opportunità di sviluppare le loro capacità mentali. Grazie al mondo delle sette note viene stimolato il cervello dei bambini che, in questo modo, risulta più flessibile, con una maggiore tendenza a fare scelta tra più opzioni. I ricercatori sono giunti alla conclusione che lo studio della musica stimoli il cervello dei bambini analizzando test psicometrici, considerando il quoziente intellettivo e l’ambiente socioeconomico di provenienza.

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale si è poi notato una maggiore attività delle aree prefrontali del cervello implicate nelle funzioni esecutive. Queste ultime sono molto complesse e numerose ma, secondo lo studio, la musica ne migliora due in particolare: la flessibilità mentale e la capacità di aggiornare la memoria. Bisogna scegliere uno strumento in particolare per stimolare il cervello dei bambini? Niente affatto, chitarra, violino, pianoforte e tutti gli altri strumenti musicali sono adatti ai più piccoli: l’importante è che sempre di musica si tratti!

L’autore: Antonella Latilla

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all’età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell’impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma!
Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *