foto_bimbo_conteso

Bimbi contesi: in libreria arriva “Niente è come te” di Sara Rattaro

Quella dei bimbi contesi è una triste piaga della nostra società: secondo le statistiche, solo nel 2013, sono stati 204 i genitori italiani che hanno presentato istanza di rimpatrio dei figli portati all’estero dal coniuge. La scrittrice Sara Rattaro ha preso parte ad alcuni incontri dell’associazione Figli Sottratti e da lì ha tratto l’ispirazione per il suo nuovo romanzo: Niente è come te.

Niente è come te di Sara Rattaro, tratto da una storia vera, racconta la storia di Francesco e Margherita che non si vedono da dieci anni. Hanno vissuto in paesi con lingue e cultura diverse; e se Francesco non ha mai smesso di pensarla ed aspettarla, per Margherita lui è solo uno dei tanti. Ma Francesco e Margherita sono padre e figlia destinati a stare lontani per motivi inspiegabili ma concreti, e burocrazie interminabili. Finché un giorno tutto cambia e a Francesco viene restituito il diritto di fare il padre di quella che la vita ha trasformato in un’adolescente convinta di essere sbagliata. In un dialogo sussurrato e testardo padre e figlia cercheranno di riconoscersi. Ma la vita può riservare strane prove ad una ragazzina confusa da un passato troppo complicato da aggiustare. E se l’unica cosa di cui ti fidi è il suono del tuo vecchio violino allora tutto è destinato ad essere difficile: innamorarsi, sorridere e soprattutto difendersi.

Il romanzo è uscito in tutte le librerie italiane lo scorso 4 settembre e ed è già destinato a diventare il best seller dell’autunno. Sara Rattaro, nata e cresciuta a Genova, si è fatta notare negli ultimi anni con diversi romanzi quali Sulla Sedia Sbagliata, Un Uso Qualunque di te, Non volare via. Sulla scrittrice italiana, laureata prima in Biologia e poi in Scienze della Comunicazione, hanno al momento scommesso alcuni importanti editori stranieri e presto quindi potremmo vedere pubblicato la sua ultima fatica, Niente è come te, anche in altre lingue.

<
>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>